Blog: http://voglioscendere.ilcannocchiale.it

29 ottobre 2010 da Ines Tabusso


Corriere della Sera
29 ottobre 2010
Milano - l'inchiesta
«Ogni volta 5000 euro»
Così venivano pagati gli incontri nella villa
Indagini sulla «rete di protezione» per la ragazza
Luigi Ferrarella



La Stampa

29 ottobre 2010
"Buongiorno", la rubrica di Massimo Gramellini
Bungagiorno

Gli americani sono dei quaccheri. Lì un presidente può fare bunga bunga con Marilyn Monroe o una stagista della Casa Bianca, ma se telefonasse all’Fbi per far rilasciare una minorenne arrestata per furto, oltretutto spacciandola per nipotina di Mubarak, sarebbe costretto a dimettersi alla velocità della luce. E se dicesse di averlo fatto perché è un uomo di buon cuore? Peggiorerebbe soltanto la situazione. L’abuso di potere, la sacralità della carica, bla-bla.
Che perbenismo triste, che formalismo ipocrita. E la Francia giacobina? Neanche a parlarne. Lì un presidente può tenere nascosta una figlia tutta la vita come Mitterrand o sposare una modella col birignao più appuntito delle caviglie, ma se telefonasse alla Gendarmerie per far rilasciare una minorenne arrestata per furto, oltretutto spacciandola per nipotina di Mubarak, sarebbe costretto a ritirarsi a vita privata. I francesi non hanno una storia alle spalle che consenta loro di apprezzare certi slanci liberali. Sapranno cucinare le omelette, ma la democrazia non gli è mai riuscita bene. I tedeschi, poi: luterani, gente fanatica. Lì un cancelliere non telefonerebbe al Polizeipräsidium neanche per far rilasciare la propria, di nipotina, altro che quella di Mubarak. Ecco, forse solo in Egitto, dove la democrazia affonda nei millenni (i famosi Faraoni della Libertà), il presidente telefonerebbe alla polizia per far rilasciare una minorenne arrestata per furto. Ma non la spaccerebbe per nipotina di Mubarak, essendo lui Mubarak. Semmai per nipotina di Berlusconi: esisterà, al riguardo, un accordo bilaterale?


Il Messaggero
29 ottobre 2010
E nella notte il caposcorta
passò la cornetta al Cavaliere
Massimo Martinelli



La Stampa
29 ottobre 2010
Ruby, la telefonata pericolosa del premier
Palazzo Chigi ha chiamato la Questura per far rilasciare la marocchina
Paolo Colonnello



La Stampa
29 ottobre 2010
"Ci dissero che era parente di Mubarak"
Il questore dell'epoca conferma «Ma alla minore nessun priviliegio»
P. Col.



La Stampa
29 ottobre 2010
Ruby: "Una sola volta ad Arcore
poi non mi ha più voluta"
«Il premier credeva avessi 24 anni, non è successo nulla»
Paolo Colonnello



Pubblicato il 29/10/2010 alle 10.40 nella rubrica Rassegna stampa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web