Blog: http://voglioscendere.ilcannocchiale.it

Ovunque

Vignetta di Molly BezzVanity Fair, 26 giugno 2008

Si potrebbe persino provare a ignorarlo. Ma come si fa? Ovunque ti volti il Cavaliere spunta dentro alla nuvola nera della sua scorta. E’ quello più piccolo, l’unico senza cravatta, il più abbronzato. Attraversa in diagonale tutte le ore della giornata, comprese quelle domenicali. Capace pure, durante una festa paesana a Porto Rotondo, tra anziani accaldati e bimbi e limonate, di chiedere una raccomandazione al vescovo per fare la comunione, lui che da divorziato non potrebbe, e di farlo sapere ai giornalisti, alle tv, al Paese.

Non passa giorno senza che Silvio Berlusconi si prenda la sua scena. Deve disfarsi di un processo per corruzione: pretende di bloccarne altri centomila. Usa il Senato per farsi una legge apposita, raggira il Quirinale, insulta la magistratura (“sovversivi!”) e intanto sovverte il Diritto e la Costituzione.

Deve incenerire una manciata di intercettazioni telefoniche di attrici e faccendieri (anzi specialmente attrici) che lo riguardano e lo metterebbero nei guai con il Paese e con Veronica (anzi specialmente Veronica) per calcoli complessi d’eredità, battaglie legali e naturalmente immagine (“la cosa che ognuno ha di più prezioso”, dixit). E per farlo pretende una nuova legge che le impedisca quasi tutte, le intercettazioni, e che sanzioni con il carcere i giornalisti che le pubblicano. Distruggendo quel dettaglio di  gni democrazia liberale che si chiama libertà di stampa.

E l’opposizione? Se ci fosse e desse anche deboli impulsi cardiaci al monitor, dal suo letto di stordimento, uno potrebbe persino occuparsene. Tanto per cambiare. Ma non so se avete notato: ultimamente persino in quel monitor - che poi sarebbe anche quello roba del Cavaliere -l’opposizione compare solo qualche volta. E sempre di spalle.

ADERISCI ALLA CAMPAGNA

Segnalazioni

Pronto Silvio? Le telefonate tra Silvio Berlusconi e i suoi uomini sulle attrici e la spallata al Governo Prodi
(fonte: l'espresso.repubblica.it)

Financial Times: Oh, no, un'altra volta no (processi, Berlusconi ci riprova) - traduzione di Giulia Alliani

Manifestazione-presidio contro l'ennesima legge vergogna
Tribunale di Lecco, venerdì 27 giugno ore 18
(Comitato lecchese per la legalità)

Pubblicato il 26/6/2008 alle 16.59 nella rubrica Pino Corrias.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web