.
Annunci online

abbonamento
146
commenti


Foto di dottoresso da flickr.comGli universitari calabresi dell'associazione Ulixes, che insieme ad altri gruppi e associazioni giovanili avevano raccolto migliaia di firme a sostegno del pm di Catanzaro Luigi De Magistris, hanno scritto questa lettera bella e amara, anzi bella proprio perchè amara, sull'epilogo del procedimento disciplinare a carico del magistrato dinanzi al Csm, che l'ha punito con la censura e col trasferimento d'ufficio.
Più di quanto non avesse chiesto il cosiddetto ministro della Giustizia Clemente Mastella.

Il sostituto procuratore generale della Cassazione, Vito D'Ambrosio, s'è molto adontato, e così molti suoi colleghi e amici, perchè mi sono permesso di ricordare che fino a due anni fa era governatore della Regione Marche per la stessa coalizione - il centrosinistra - che ha dichiarato guerra a De Magistris, il che rendeva sommamente inopportuno che fosse proprio lui a sostenere l'accusa contro De Magistris. I magistrati, come ricorda Edmondo Bruti Liberati, non solo devono essere imparziali, ma devono pure sembrarlo. So bene che D'Ambrosio è un ottimo e specchiato magistrato, ma questa non è un'attenuante: è un'aggravante. Se anche un ottimo e specchiato magistrato non avverte l'inopportunità di una situazione così imbarazzante e non ritiene di astenersi per liberarsene, vuol dire che ci stiamo abituando proprio a tutto. I regimi, com'è noto, peggiorano anche le persone migliori.

C'è poi una dichiarazione inquietante di D'Ambrosio, ripresa da Repubblica il 19 gennaio. Questa: "Una settimana fa le considerazioni sarebbero state diverse". Nel senso - spiega la giornalista dopo aver parlato con lui - che "l'inchiesta di Santa Maria Capua Vetere lascia a desiderare, il Csm ha duramente criticato le accuse dell'ex ministro ai magistrati, ma ora le toghe devono essere inappuntabili nell'applicare la legge...". Par di capire, salvo smentite che finora non sono arrivate, che De Magistris ha pagato anche per le polemiche seguite all'inchiesta di Santa Maria Capua Vetere a carico di Mastella & C.: resta da capire che diavolo c'entri De Magistris, pm a Catanzaro, con il lavoro dei suoi colleghi di un'altra Procura e di un'altra regione, peraltro avallato da un gip terzo, e a quale titolo un Pg della Cassazione si permetta di dichiarare che il lavoro di quei colleghi "lascia a desiderare".

Mi auguro che la lettera degli studenti venga letta dai membri della sezione disciplinare del Csm e li induca a riflettere sul messaggio devastante che la loro decisione unanime di venerdì scorso ha lanciato al Paese, soprattutto a chi ancora credeva in un barlume di Giustizia. E ad arrossire un po', almeno di nascosto, per quel che hanno fatto.

Lettera aperta alla città di Calabria

Dico addio alla casta dei giudici - di Luigi De Magistris

Lettera di un cittadino calabrese a Walter Veltroni: Le ultime speranze dei calabresi

sfoglia dicembre        febbraio
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.312082399999781]>