.
Annunci online

abbonamento
0
commenti


Appalti: Scajola cita per danni il giornalista Gomez
Roma, 3 ott. (Adnkronos) -
Claudio Scajola cita per danni il giornalista di "Il Fatto Quotidiano" Peter Hernan Gomez: "E' vero che fino ad ora ho scelto il silenzio - ha spiegato Scajola - in attesa che sia fatta piena luce su una vicenda che tanto mi ha addolorato, ma mi vedo costretto a fermare dichiarazioni false e fortemente diffamatorie."
Gomez, durante la trasmissione di La7 "Omnibus" dello scorso 27 settembre, aveva detto che "Scajola si fece pagare la casa in cambio di appalti concessi all'epoca in cui era Ministro", riportano i legali di Scajola, per i quali tale affermazione non rappresenta una posizione "giornalistica, ma ricostruisce in modo scorretto una vicenda per la quale, e questo non e' stato detto dal giornalista de 'Il Fatto Quotidiano', l'Onorevole Scajola non e' mai stato oggetto di alcuna accusa da parte della Magistratura".
"Le mie dimissioni -continua Scajola- che per alcuni sono state strumentalmente interpretate come ammissione di colpevolezza, sono state, invece, dettate dal rispetto verso le istituzioni e verso l'attivita' del Governo e degli organi inquirenti. Proprio per questo ho potuto valutare in piena serenita' tutte le ricostruzioni giornalistiche, anche le piu' dure e le meno lineari". "La ricostruzione della mia vicenda fatta da Peter Gomez configura un teorema, quello dello scambio 'casa - appalti', che prescinde da qualsiasi dato oggettivo e dal lavoro svolto dagli inquirenti. La verita' sta emergendo -conclude Scajola- Per coloro i quali si sono avvicinati da sempre con correttezza a questa vicenda non sara' certamente una sorpresa".


Ma quale sarebbe stata la motivazione di un “regalo” così ricco? Anche qui Scajola affida la spiegazione al memoriale: "Sono convinto che chi l’ha fatto voleva accattivarsi una simpatia per il futuro, dicendo: non dico nulla, lui non sa nulla, ma sarà contento che gli abbiamo risolto il problema della casa..."


Segnalazione
Premio IgNobel de' noantri

La proposta arriva dal sito noiseFromAmerika e si ispira ai premi IgNobel, sponsorizzati dalla rivista scientifica-umoristica statunitense Annals of Improbable Research (AIR) e  assegnati ogni anno, prima o dopo l'annuncio dei vincitori del vero Premio Nobel, a ricerche scientifiche di dubbia costruttività.
Su noiseFromAmerika e' stata indetta una gara fra i lettori per selezionare la  peggiore o più incoerente idea o teoria di politica economica.
I candidati possono  essere sia uomini politici che economisti o imprenditori e, come per il Nobel vero e proprio, possono essere premiati sia per il complesso della loro opera, che per una singola teoria o atto politico.
Chi vuole, puo' indicare il suo preferito a questo indirizzo


La Stampa
3 ottobre 2010
La forza degli sconfitti
Barbara Spinelli



votaberlusconi.it
3 ottobre 2010 ore 18:22
BERLUSCONI: Ora Commissione d'inchiesta sulla magistratura
"C’e’ qualcosa dentro la magistratura che ci tiene sotto scopa".
Lo ha affermato Silvio Berlusconi il quale, nel concludere la Festa della Liberta’ di Milano, ha osservato che il sistema giudiziario italiano "non e’ degno di un Paese moderno". Berlusconi ha formalizzato la richiesta di una vera e propria "commissione d’inchiesta che, con gli stessi poteri della magistratura, indaghi su cosa e’ accaduto in questi anni". Il presidente del Consiglio, concludendo la Festa Pdl, spiega che "questo e’ necessario anche a difesa dei giudici onesti" e sottolinea che questa iniziativa "e’ un nostro diritto e un nostro dovere".


Il Predellino.it
30 settembre 2010
A scuola da Craxi            
La più antica delle fondazioni di area Pdl, fondata da Stefania Craxi per ricordare e trasmettere il patrimonio politico di suo padre, Bettino Craxi, ha organizzato per questo fine settimana, venerdì primo ottobre e sabato due ottobre, una scuola di formazione politica per i giovani militanti e dirigenti pidiellini.
di Andrea Camaiora


(Ansa) - Orbetello (Grosseto), 1 ottobre
Rai: Confalonieri, troppa faziosita’
Presidente Mediaset cita a esempio ‘Annozero’ e la Repubblica


(Ansa) - Orbetello (Grosseto), 1 ottobre
TV: Confalonieri, mass media orientano consenso ma non basta
Presidente Mediaset, grande politico incontra e soddisfa bisogni




Militiae

Apcom
3 ottobre 2010
Governo/ Idv: Maroni chiarisca su depenalizzazione banda armata
Donadi: Sarebbe gravissimo,dopo leggi 'ad personam' le 'ad Legam'

"Dopo le leggi ad personam e ad aziendam di Berlusconi arriva quella "ad legam", che depenalizza il reato di banda armata, sfornata con ogni probabilità per salvare gli attivisti della Lega ancora coinvolti nel processo di Verona. Il Carroccio, a furia di andare con lo zoppo, comincia a zoppicare, e si è sfornata la leggina ad hoc a suo uso e consumo, in pieno stile berlusconiano. Maroni deve chiarire". Il capogruppo Idv alla Camera Massimo Donadi invita il ministro degli Interni a spiegare se davvero il Governo intende depenalizzare il reato di banda armata. "Questa - denuncia il capogruppo Idv- è l'ipocrisia della Lega che chiede di abbassare i toni, predica rigore ed intransigenza, ma poi difende i suoi interessi, anche a costo di mettere a repentaglio la vita di tutti i cittadini. Ci domandiamo che senso abbiano le parole del ministro Maroni che anche oggi, giustamente, in un'intervista esprime preoccupazione per gli ultimi fatti di violenza che si sono verificati, e poi, furbescamente, nasconsto tra le pieghe di un decreto omnibus sul "Codice di ordinamento militare", la Lega infila una norma che depenalizza un reato così grave e purtroppo di grande attualità. Faremo di tutto in Parlamento per correggere questo ennesimo obbrobrio".


Oggi Treviso

24 gennaio 2010
Giampaolo Gobbo a giudizio
36 Militanti della Lega Nord a giudizio per l'inchiesta camicie verdi
Carlo De Bastiani



Oggi Treviso
25 gennaio 2010
Guardia Nazionale Padana: vicenda vecchia, archiviamola
Secondo il ministro Zaia non ha senso che la magistratura si occupi di un fatto accaduto quando ancora c’era il vecchio conio

Treviso - “La giustizia dovrebbe occuparsi di ben altro che di fatti accaduti in epoche ormai lontanissime. In realtà, al di là del paradosso di una complessa macchina giudiziaria impegnata per decenni in materie nebulose, va registrata ancora una volta la distanza tra quanto accade e quanto si attendono i cittadini.“
E’ il commento del ministro alle Politiche agricole Luca Zaia in merito alla vicenda sulle camice 'camicie verdi', l'inchiesta veronese sulla Guardia Nazionale Padana che ha previsto c il rinvio a giudizio di 36 militanti, fra cui anche il sindaco di Treviso Giampaolo Gobbo, anche segretario della Liga Veneta-Lega Nord. “Nel caso in questione poi non credo vi siano – ha proseguito Zaia - evidenze reali a giustificare provvedimenti che riguardano fatti che sarebbero accaduti quando in Italia circolava ancora la lira e le tecnologie oggi in uso comune erano appena agli albori.
Bisogna essere capaci finalmente di guardare avanti e di aiutare il Paese a uscire da questo clima.” Insomma le aule di giustizia agli esponenti del centrodestra proprio non vanno giù.


Corriere della Sera
15 settembre 1996
"E adesso arrivera' la Guardia nazionale"
Bossi chiede un decreto del governo padano. Borghezio: ora i cittadini si sentiranno rassicurati
"Saranno volontari. Se occorrera' faranno quel che dovranno fare"



Corriere della Sera
31 gennaio 1998
Parla una camicia verde allontanata dal Carroccio
L' ex " Arruolatore " della milizia padana: la secessione sara' violenta
Il " colonnello " Giampietro Secco sotto inchiesta: non sono io la spia ma i capi leghisti
Goffredo Buccini



Salon.com
Friday, Oct 1, 2010 09:30 ET
In the Obama era, right-wing militias flourish
By Joe Conason

That much-mocked DHS study of potential right-wing violence turns out not to have been so far-fetched after all


Time

Thursday, Sep. 30, 2010
The Secret World of Extreme Militias
By Barton Gellman



Blogs.nytimes.com
Room for Debate
March 30, 2010, 8:37 pm
The Government and the Militia Movement
By the editors

As the government deals with the re-emerging militia movement, what did it learn from the experiences of the 1990s, from the disastrous sieges in Ruby Ridge, Idaho, in 1992 and at the Branch Davidian compound in Waco, Tex., in 1993 to its handling of Oklahoma City bombing case?
Jess Walter, author, “Every Knee Shall Bow”
Catherine McNicol Stock, historian, “Rural Radicals”
David H. Bennett, historian, “The Party of Fear”
Kenneth Stern, American Jewish Committee
Robert Churchill, history professor, University of Hartford
Michael Barkun, political scientist, Syracuse University


sfoglia settembre        novembre
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.0319787000007636]>