.
Annunci online

abbonamento
0
commenti


"Ho intenzione di scrivere su Silvio Berlusconi e sulla sua cosiddetta vita privata. Ma, prima di farlo, voglio porvi una domanda. Sarebbe possibile scrivere una seria biografia di Mao Zedong tralasciando le ragazze e le droghe? Se così si facesse il libro avrebbe pochi lettori... 
Quello di Mao é un caso estremo ma è un caso paradigmatico. Non é possibile offrire un resoconto delle azioni degli uomini politici tenendo conto soltanto della loro vita pubblica e delle idee che professano. E' necessario capirne la vita privata e la personalità. Qualsiasi storico ne é consapevole, ed è questo il motivo per cui tutti i biografi seri fanno del loro meglio per penetrare sotto la superficie dei soggetti di cui si occupano, raccontando la storia della loro vita quando non sono sotto i riflettori.
Quanto sto scrivendo é il mio modo di dare una sonora risposta alla grande domanda del momento in Italia - i rapporti di Silvio Berlusconi con le escort e con ragazze più giovani, di nascosto dalla moglie, hanno davvero una qualche importanza? - : "Sì, certo che ne hanno".
Non é necessario verificare ciascuna delle contestate accuse italiane per concludere che Berlusconi non si é comportato con grande correttezza. E non si può considerare l'elevazione a posti di responsabilità nel suo partito di donne attraenti, con scarsa esperienza politica, con una semplice alzata di sopracciglio, o di tutti e due. Ma peggiore di tutte queste storie è l'affermazione di Berlusconi, il quale sostiene che nessuna di esse deve interessare gli altri, perchè sono tutti fatti suoi e, di conseguenza, non deve renderne conto a nessuno.
La vita privata di uno statista non é, e non può essere, del tutto privata. Essa ci permette di scrutare nella sua personalità. E la personalità é un aspetto essenziale della leadership. Ne è infatti, con molta probabilità, la parte più importante...
Ora, chiunque avanzi l'idea che la vita privata delle persone, con quanto essa rivela della loro personalità, debba rimanere privata, riceve in risposta tre iniziali: JFK. Ora sappiamo - e i giornalisti all'epoca lo sapevano, ma non lo riferivano - che John F. Kennedy era un incallito donnaiolo. Eppure ha la reputazione di un grande presidente. 
Le sue scappatelle e il suo tipo di vita sociale? Pettegolezzi senza importanza.
Salvo che non lo erano affatto. Le biografie pubblicate hanno rivelato come il comportamento inappropriato di Kennedy costituisse un rischio per la sicurezza. La sua relazione con l'amichetta di un gangster rovinò la campagna elettorale. E, nel suo libro "In Sickness and in Power", David Owen propone un argomento convincente quando sostiene che l'uso incontrollato di droghe da parte di JFK ne influenzò la condotta nei negoziati sugli armamenti.
Silvio Berlusconi è un alleato che custodisce segreti di stato. E' la figura dominante nell'attuale panorama politico italiano. E' dunque indiscutibile che la sua personalità é materia di interesse. E, naturalmente, le risposte alle domande che continuamente vengono poste a proposito della sua condotta possono aiutarci a capire la sua personalità.
Non ci si può comportare come Berlusconi e sostenere che si tratta di questioni private. Le feste, le ragazze, i regali - sono tutte questioni di stato".
(Daniel Finkelstein, The Times, 22 luglio 2009)


L'Unità

22 luglio 2009
Otto punti fermi sui rapporti mafia-stato
di Saverio Lodato



sfoglia giugno        agosto
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.0155926804687567]>