.
Annunci online

abbonamento
0
commenti


Punti di vista

"Pensate che noi siamo cascati male con [Gordon] Brown: date un'occhiata a quel che succede in Sardegna e riflettete su cosa certi paesi sono costretti a sopportare"
(Barbara Ellen, The Observer, 7 giugno 2009)

"Sono scontento rispetto alle previsioni, molto contento rispetto ai dati reali... Con tutto quello che abbiamo fatto in questo anno é difficile immaginare di fare di meglio". 
(Ignazio La Russa, Pdl, ministro della Difesa, ospite di ’Porta a porta’, commenta i risultati delle elezioni per il Parlamento europeo, votaberlusconi.it, 8 giugno 2009)



Il Manifesto
7 giugno 2009
Ho tenuto un corso su Noemi
di Alessandro Robecchi

Chiedo scusa se il pezzo di oggi non sarà all’altezza. In quanto “giornalista” e “di sinistra” (scegliete voi la cosa che fa più schifo) ho dovuto già scrivere tutti gli editoriali dei giornali europei, chiamare e influenzare Le Monde e El Pais, dettare la linea al Financial Times, tenere un corso su Noemi al direttore del Guardian. Ho dovuto tradurre in portoghese e lettone le intuizioni di Giuliano Ferrara, secondo cui se un ultrasettantenne si accompagna a una minorenne è “porcata”, ma se lo fa Silvio è “patronage”. In Finlandia hanno capito benissimo, e hanno titolato in prima pagina “Påpÿ Italian Parakuli”. Poi ho dovuto fare una cosa schifosa: occuparmi dell’uccello (pardon) di un tale Topolanek che sinceramente fino a due settimane fa non sapevo nemmeno che esistesse (Topolanek, non l’uccello), (pardon). Questo Topolanek sostiene che qualcuno ha modificato le foto che lo ritraggono nella villa di Berlusconi, dove esibisce un considerevole (per l’età) alzabandiera (pardon), e sostiene che a modificare le foto sono stati i socialisti. Macché socialisti! Sono stato io! Ho preso una bella foto di Rocco Siffredi dei tempi d’oro, ho ritagliato l’artiglieria (pardon) e l’ho incollata al posto della miniatura (pardon) di Topolanek, ed ecco fatto. Niente di diverso di quello che faceva Panorama con i capelli di Berlusconi quando il direttore era Carlo Rossella (pardon). Una faticaccia. Poi ho deciso di partire per riposarmi un po’, ho chiamato il mio chitarrista e una tipa che balla il flamenco e siamo andati all’aeroporto. Ho chiesto: scusi, ma questo volo parte anche se noi non lo prendiamo? Certo!, mi fa il tipo del check-in. Quindi se lo prendiamo non c’è nessun aggravio di spesa!, ho detto io, e siamo partiti a sbafo. Tié, vedi che papi ci insegna qualcosa? Scusate, devo andare. Beati voi precari che se perdete il lavoro prendete un sacco di soldi! Questa fa sempre ridere, è l’ultima barzelletta di papi Silvio (pardon). Vespa annuiva. Topolanek non lo so.

.

The New York Times 
June 7 2009 
In Italy, Questions Are From Enemies, and That’s That
By Rachel Donadio

Rome — I got a call last week from an Italian friend, an investigative reporter. He had just spoken to an Italian magistrate who wanted to sound out a theory. 
The magistrate wondered — in all seriousness — if my recent article in The New York Times about Prime Minister Silvio Berlusconi’s personal life could be evidence that Mayor Michael R. Bloomberg, envious of Mr. Berlusconi’s media empire, was using me to take down the prime minister. 
My friend quickly and rightly dismissed the theory for what it was: insane. But the fact that it had been advanced by a respectable magistrate tells you almost everything you need to know about how power operates in Italy. It also goes a long way toward explaining the unstoppable success of Mr. Berlusconi, a phenomenon as alien to Americans as conflict-of-interest laws are to Italians. 
Americans are forever asking how Italy can keep voting for Mr. Berlusconi, whose legal problems — not to mention his wife’s recent threats of divorce and accusations about her husband’s dalliances with very young women — would have toppled governments elsewhere.
But Italians don’t always see things this way. In Italy, abuse of office is something of a foreign concept, even though an Italian court is now investigating whether Mr. Berlusconi committed it when he used government planes to shuttle guests, including a Neapolitan singer and a flamenco dancer, to gala parties at his villa in Sardinia. 
Mr. Berlusconi has brushed this off, as he has all other claims of impropriety, as a campaign against him by left-wing magistrates and journalists. He says they want to discredit his center-right coalition ahead of this weekend’s elections for the European Parliament, which he is still expected to win.
While wildly off target in my case, the magistrate’s Bloomberg theory is not entirely crazy. Mr. Berlusconi last week suggested in an interview that The Times of London had published critical editorials about him because it is owned by Rupert Murdoch, whose Sky is the largest player in the Italian cable television market after Mr. Berlusconi. 
In Italy, this is seen as business as usual. The general understanding is that everyone uses the means at his disposal to fight his rivals. 
The real issue here is that Italy is not a meritocracy. It is a highly evolved feudal society in which everyone is seen as — and inevitably is — the product of a system, or a patron. 

During the postwar years, the American-backed Christian Democrats, Moscow-backed Communists and business-minded Socialists had their own networks of politicians, bankers, lawyers — and their own press organs. That corrupt patronage system collapsed with the end of the cold war and a huge bribery scandal. 
Today, there is no ideology and no network; there is only Mr. Berlusconi, and you are either with him or against him. Compared to the old order, Mr. Berlusconi’s political class is seen as a modernizing force. Mr. Berlusconi’s rivals accuse him of being on the wrong side of the law, and he in turn accuses them of being on the wrong side of history. Those two things shouldn’t cancel each other out, but often do. 
The members of the Italian left have been infighting since the collapse of the Berlin Wall and are so weak and ineffective today that some in this land of byzantine conspiracy theories believe that Mr. Berlusconi must be paying them off.
Italy is deeply confusing for Americans, who are steeped in notions of speaking truth to power and following the money, raised in the country of “Yes we can,” not “Sorry, Signora, that’s impossible.”
In the topsy-turvy logic of Italy, Mr. Berlusconi’s unrivalled grip on the public and private sectors and media outlets doesn’t make him seem compromised. Instead, his supporters see him as rich enough to be independent. As one working-class Roman told me not long ago, full of admiration, “he’s so rich, he didn’t even need to go into politics.” 
In Italy, when journalists ask completely legitimate questions about the legal status and personal life of the leader of a Group of Eight country — or even when they ask why Italy doesn’t seem to care about the answers — they are inevitably accused of insulting the prime minister or of being the pawns of larger interests. 
In Italy, the general assumption is that someone is guilty until proven innocent. Trials — in the press and in the courts — are more often about defending personal honor than establishing facts, which are easily manipulated. 
Sometimes I wonder what Pope Benedict XVI, who has railed against the “dictatorship of relativism,” in which equating all beliefs leads to nihilism, would make of Italy. Here, information is used less to clarify than to obfuscate. 
How else to interpret the barrage of wildly contradictory material that has emerged in the press in recent weeks about how Mr. Berlusconi met Noemi Letizia, whose 18th birthday party he attended in April — an act that so angered his long-estranged wife that in threatening divorce she became de facto opposition leader?
In the absence of a clear, coherent story, the only standard of evidence becomes personal loyalty. 
Ms. Letizia said in an interview last week that she was upset that her new boyfriend had auditioned for the reality television show “Big Brother” without asking her permission. 
In the reality show that is today’s Italy, Mr. Berlusconi is the clear winner. His rivals are doing little more than throwing tomatoes on stage. The actor is showing signs of fatigue, but the audience is glued to its seats. Après lui, le déluge. 



Alfabetizzazione funzionale

«Vera democrazia non si ha là dove, pur essendo di diritto tutti i cittadini ugualmente elettori ed eleggibili, di fatto solo alcune categorie di essi dispongano dell' istruzione sufficiente per essere elementi consapevoli ed attivi nella lotta politica». Benché siano apparse sulla rivista «Il Ponte» nel gennaio 1946, queste parole di Piero Calamandrei non sono certo inattuali. Nell' era della globalizzazione e del Web, la centralità dell' istruzione pubblica sembra venuta meno, ma i testi del giurista fiorentino raccolti dall' editore Sellerio con il titolo Per la scuola (pp. 135, Euro 10) ci ricordano che lasciarla decadere è un rischio enorme, poiché si tratta di un «organo centrale della democrazia». Se non posseggono gli strumenti critici per orientarsi nel flusso dei messaggi mediatici, i cittadini restano esposti a infinite forme di manipolazione o suggestione emotiva. E solo una solida educazione di base può sottrarli al destino di percettori passivi. Ma rimane valida anche l' altra ragione che induceva Calamandrei a indicare nella questione scolastica un tema cruciale: la necessità di promuovere l' ascesa dei meritevoli provenienti da famiglie disagiate per garantire un «continuo ricambio sociale». Lo dimostra l' odierna Italia dominata dal nepotismo, dalla quale troppi giovani capaci, ma privi di santi in paradiso, preferiscono andarsene. Oltre che istruttiva, la prosa di Calamandrei è sempre limpida e scorrevole, come si può constatare anche dal pregiato volumetto fuori commercio Utopie di idealisti ingenui? (pp. 92) pubblicato dalla Fondazione Corriere della Sera con un' introduzione di Antonio Padoa Schioppa. Contiene solo cinque articoli - gli unici che Calamandrei pubblicò sul quotidiano di via Solferino - ma ciascuno di essi è un modello di scrittura chiara e incisiva: quello sul federalismo europeo, datato 11 settembre 1945, è anche un notevole esempio di lucidità e sapienza giuridica. (La scuola e l' Europa unita, passioni di Calamandrei, Corriere della Sera, 7 maggio 2009)

"Many previous studies have treated literacy as a condition that adults either have or do not have. The IALS no longer defines literacy in terms of an arbitrary standard of reading performance, distinguishing the few who completely fail the test (the "illiterates") from nearly all those growing up in OECD countries who reach a minimum threshold (those who are "literate"). Rather, proficiency levels along a continuum denote how well adults use information to function in society and the economy. Thus, literacy is defined as a particular capacity and mode of behaviour: the ability to understand and employ printed information in daily activities, at home, at work and in the community - to achieve one's goals, and to develop one's knowledge and potential. Differences in levels of literacy matter both economically and socially: literacy affects, inter alia, labour quality and flexibility, employment, training opportunities, income from work and wider participation in civic society".  (OECD, Organisation for Economic Co-operation and Development, Directorate for Education, Definition of Literacy) 

"Una persona è alfabetizzata in senso funzionale quando ha acquisito le conoscenze e le abilità nel leggere e nello scrivere che la rendono capace di impegnarsi in modo efficace in quelle attività in cui la lettura e la scrittura sono normalmente intese nella sua cultura o gruppo di riferimento”.  (A person is functionally literate when he has acquired the knowledge and skills in reading and Writing which enable him to engage effectively in all those activities in which literacy is normally assumed in his culture or group) (William Scott Gray, The Teaching of Reading and Writing: An International Survey, UNESCO, Parigi, 1956)

"Recenti e accurate indagini nazionali di diversa fonte concordano nel dire che all’incirca un terzo dell’attuale popolazione adulta italiana è consapevole dell’esistenza di norme e istituzioni che ne tutelano diritti e beni e ha gli strumenti per fruire dei servizi che pure esistono. Due altre indagini, svolte in Italia e altri paesi per iniziativa di Statistics Canada e fondate sull’osservazione diretta delle capacità di lettura, scrittura, calcolo e problem solving, IALS, International Adult Literacy Studies, e ALL, Adult Literacy and Life Skills, per l’Italia, attraverso quadri analitici della stratificazione delle competenze, arrivano a conclusioni ancora meno liete: il 5% della popolazione adulta in età di lavoro (16-65 anni) versa in una condizione di totale analfabetismo, il 33% è da definirsi semianalfabeta, un ulteriore 33% è a rischio di ripiombare in tale condizione, e soltanto un po’ meno del 20% degli adulti mostra di possedere gli “strumenti minimi indispensabili per orientarsi in una società contemporanea”. Tra i paesi esaminati soltanto la Sierra Leone offre un quadro più negativo di quello italiano. Infine chi ha pazienza (i numeri sono ritenuti noiosi) può vedere gli effetti sociali e culturali di queste condizioni in un’altra indagine ancora. Cumulando e integrando i risultati ricavabili dalle indagini “multiscopo” periodicamente svolte dall’ISTAT, in particolare da quella più recente del 2006, emerge che soltanto il 16,2% della popolazione adulta italiana tra i 18 e i 65 anni partecipa in modo attivo alla vita della cultura (nel senso più ampio di questa parola), il 53,1% ne resta ai margini, una fascia intermedia del 30,8% aspira alla partecipazione, ma, per dir così, con moderato impegno. 
Queste condizioni di inerzia e poca cultura non possono ricondursi meccanicamente a bassi livelli di istruzione. È vero che nel confronto internazionale l’Italia continua ad avere percentuali assai modeste di laureati e diplomati, ma anche percentuali cospicue di questi, tra il 12 e il 25%, si collocano ai livelli più bassi che le diverse indagini individuano. Inoltre l’assenza pressoché totale di istruzione anche solo elementare è ormai ridotta a pochi punti percentuali. Ora dunque non si può più chiamare in causa la mancata o troppo bassa scolarità, ma occorre piuttosto riflettere sul mondo e sugli stili di vita che gli italiani trovano, subendoli o scegliendoli, una volta usciti dalla scuola avendovi raggiunto livelli di scolarità anche alti.
(Tullio De Mauro, Prefazione al libro di Piero Calamandrei "Per la scuola", Edizione Sellerio, 9 gennaio 2009)



La Stampa
7 giugno 2009
Incapaci di pensare europeo 
di Barbara Spinelli


Possiamo già prevedere le parole che verranno dette, in molte capitali del continente, subito dopo le elezioni europee: è mancato, ancora una volta, quel che viene chiamato spirito o comune sentire europeo. In ogni Stato si vota su temi nazionali, ogni elettore tende a giudicare il proprio governo o la propria opposizione, non quello che le istituzioni europee hanno fatto o faranno. Alcuni vedranno confermata una loro persistente convinzione: non esiste un popolo - un demos - dell’Unione. L’Europa intesa come comune governo, affiancato ai governi nazionali, è un’utopia nata nell’ultima guerra che ha fatto naufragio anche se gli elementi statuali dell’edificio comunitario sono ormai inconfutabili. 

Tutti questi ragionamenti hanno un difetto. La realtà, continuano a vederla attraverso l’unica lente che conoscono: quella dello Stato-nazione. Ogni giorno i fatti dimostrano che la lente è inadatta, senza tuttavia intaccare la monotona routine. È come se nella pittura fossimo rimasti alle figure bidimensionali, ricusando la prospettiva di Piero della Francesca. La vecchia lente garantisce all’osservatore comodità, sforzo minimo, potere: perché abbandonarla? 

Eppure i fatti sono chiari: più della metà delle decisioni che determinano la nostra vita quotidiana non sono più prese nello spazio nazionale, ma in quello europeo; e l’Europa è imprescindibile non solo dove c’è stato trasferimento di sovranità (moneta, commercio, frontiere) ma anche in materie gelosamente custodite dagli Stati come clima, energia, immigrazione, politica estera. Infine non è vero che lo Stato, per funzionare, deve avere prima una nazione, un demos. Antonio Padoa-Schioppa, studioso di diritto europeo, ha ricordato, il 7 maggio a un convegno della Regione Lombardia, che solo nella mente dei giuristi ottocenteschi lo Stato coincide esclusivamente con la nazione: «L’analisi storica mostra che in Paesi come Francia, Inghilterra, Spagna l’identità nazionale si è formata dopo la nascita degli Stati, non prima». 

Detto questo, è innegabile che lo spirito europeo sia oggi in declino: lo certifica l’astensionismo elettorale, in aumento dalla prima elezione diretta del Parlamento di Strasburgo nel 1979. Allora era il 63% a votare, oggi non più del 30-40. Particolarmente bassa è la partecipazione degli europei dell’Est, entrati da poco nell’Unione. Il fatto è che anche dove c’è spirito europeo, esso non produce affluenza alle urne né demos. Avviene anzi il contrario, e in questo il comportamento dell’Est è emblematico. Lo spirito europeo, qui, è vivo. Risale ai tempi totalitari, quando il Centro Europa, come disse nel 1983 Milan Kundera, fu «sequestrato a Est» malgrado il suo cuore e la sua storia fossero a Ovest. I cittadini bulgari, scrive il giornalista Ivo Indjev, sono tra i più europeisti nell’Unione. Tuttavia pare si asterranno in massa. Così in altre zone o ambienti dove lo spirito europeo, pur radicato, non si traduce in impegno elettorale pratico. 

Lo spirito dunque non basta. Il sentire europeo può essere intenso, ma non implica, automaticamente, pensare europeo. Pensare è un’altra cosa, come spiega bene il Programma per l’Europa Politica elaborato dall’associazione Impresa Domani (Idom): un’autentica politica europea non nascerà «dalla sommatoria di debolezze nazionali», ma dovrà essere «il frutto del pensare europeo». E pensare non significa esser sensibili, ma «porsi immediatamente l’obiettivo del passaggio dei poteri a quelle istituzioni dove soltanto può formarsi un pensiero politico europeo». Non significa neppure «avere un’idea del mondo, ma avere un programma per il governo del mondo». Altrimenti abbiamo il paradosso bulgaro: più ti senti europeo, meno agisci. Non è l’unico paradosso di queste elezioni. Egualmente pernicioso è il paradosso d’un Parlamento che ha sempre più poteri (può sfiduciare la Commissione, il suo parere è vincolante su molte leggi), e nonostante ciò l’astensione cresce. Anche qui c’è discrepanza: più potere, meno pensiero. 

I poveri cittadini non sono responsabili in prima linea di questi paradossi. Quando possono, reclamano un’Europa potenza. Sono responsabili gli Stati, le amministrazioni, i partiti, i giornali. Sono loro a monopolizzare l’informazione europea, a farsi impigrire dalle vecchie lenti. Negli Stati la politica è mutata radicalmente: le battaglie sono personalizzate, i partiti selezionano ormai grandi oratori, grandi caratteri. Solo le istituzioni europee rimangono immobili. Se avessero innovato, oggi voteremmo anche in Europa forti personalità, censurando i malgoverni. Ogni schieramento avrebbe un candidato alla presidenza della Commissione, e i partiti si organizzerebbero come partiti europei giudicando la scorsa legislatura. Non mancano d’altronde eccellenti candidati in pectore. Chi denuncia l’ignavia o l’opportunismo del presidente della Commissione Barroso, ad esempio, avrebbe potuto schierare europeisti come Guy Verhofstadt ex premier belga, o Pascal Lamy direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio. Una vasta coalizione impedisce tali progressi, e di essa fanno parte Stati e giornali, partiti di sinistra e di destra. Scrive ancora l’Idom: «Essere un partito europeo è avere un programma sull’Europa, un’organizzazione su base sovrannazionale, e proporre propri candidati per le istituzioni dell’Unione». 

I veri utopisti sono coloro che s’illudono, credendo che lo Stato resti sovrano assoluto come immaginava nel secolo scorso Carl Schmitt. Parafrasando Keynes, «sono generalmente schiavi di qualche giurista o politologo defunto». Si definiscono realisti, ma sono abitudinari e senza inventiva. I fatti non li smuovono, staccarsi dalla routine li strema. Tra sentire e pensare usano dare il primato non al pensiero difficile ma al consolatorio, inerte sentimentalismo.


sfoglia maggio        luglio
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.0781991000003472]>