.
Annunci online

abbonamento
0
commenti


El Mundo
Irene Hdez. Velasco (Corresponsal) | Roma
Actualizado domingo 08/03/2009 20:46 horas
Silvio Berlusconi, Primer ministro de Italia
'Siempre he sido declarado inocente porque los jueces imparciales son mayoría'

"La presidente del collegio di quel Tribunale è una nota esponente di sinistra che si è espressa più volte contro le leggi del nostro governo", in questo modo Silvio Berlusconi ribadisce a "El Mundo" la sua critica al giudice Nicoletta Gandus, presidente del collegio dei magistrati che ha condannato l'avvocato inglese David Mills per corruzione. E fa il punto sulla sua situazione giudiziaria. "Il dubbio sulla sua imparzialità - prosegue il premier - é legittimo". "Sono assolutamente certo di venire assolto quando il processo riprenderà". 
"Purtroppo - aggiunge - una parte della magistratura italiana è politicizzata e ha usato e usa il proprio potere come arma di lotta politica contro gli avversari, in particolare contro l'unico esponente del centrodestra a poter prevalere sulla sinistra". "I giudici politicizzati della sinistra - afferma ancora Berlusconi - hanno persino tentato di ribaltare il risultato democratico riuscendovi nel 1994 con un'accusa da cui sono stato naturalmente assolto con formula piena dopo 10 anni di processi". E il premier ricorda dunque "solo pochi dati": "Dal '94 al 2006 ben 789 magistrati si sono occupati di Silvio Berlusconi con indagini e processi che hanno portato a 587 visite della polizia giudiziaria o della Gdf e a 2.550 udienze, piu' di un record mondiale". "Conclusione: sono sempre risultato innocente - conclude - perché fortunatamente i giudici imparziali sono ancora la maggioranza".  
Il lodo Alfano Il premier affronta anche la questione del Lodo Alfano spiegando che si tratta di una legge che "é nata da un'esigenza indicata dalla stessa Corte Costituzionale" di consentire alle più alte cariche dello Stato di svolgere appieno e con serenità il proprio importante mandato". "In Italia - prosegue - il principio del giusto processo prevede la piena partecipazione al dibattimento. In un processo che dura due o tre anni, con una cadenza di due o tre udienze la settimana, è praticamente impossibile partecipare e difendersi per coloro che svolgono alte ed impegnative funzioni istituzionali". "Il meccanismo dell'immunità - sottolinea Berlusconi - è ben noto in altri Paesi, compresa la Spagna, dove riguarda i parlamentari ed è molto più forte che in Italia, dove il processo viene soltanto sospeso. Nel merito, io non ho mai neppure conosciuto il signor Mills e sono assolutamente certo di venire assolto quando il processo riprenderà".
(Il Giornale, 8 marzo 2009)

Vedi qui e qui e qui e anche qui

.

.

Strategia della bandana

"Statista di livello mondiale. L’ultimo ad avere altrettanta visibilità e rispetto era stato Mussolini. Non ho mai visto, come con lui, leader di tutto il mondo andare a casa sua per condividerne le strategie". (Luca Barbareschi, attore e deputato Pdl, a proposito di Silvio Berlusconi, il Giornale, 9 marzo 2009)

"La bandana avrà un ruolo chiave a Bruxelles nel prossimo futuro. Pare che Blair sia a favore di un'unica bandana ufficiale che verrebbe indossata, a turno, da ogni singolo capo di governo, come avviene per l'assunzione della presidenza dell'Unione Europea". (Oliver Pritchett,  "A free Silvio bandana for every reader", Telegraph.co.uk, 21 agosto 2004)

.

.

Ed ora ulteriori chiarimenti sul piano-casa:

D.Nei fatti, ci sarà l’abolizione del permesso di costruire. 
R."Si potrà costruire con una semplice autodenuncia di più e meglio ma solo sulla stessa area di sedime... comunque starà ai Comuni controllare i lavori". 
(Niccolò Ghedini, avvocato e parlamentare, Pdl, La Stampa, 8 marzo 2009)

D.Non c’è il rischio di un nuovo condono edilizio?
R."Le competenze anche in questo ambito sono delineate. La definizione e la repressione di eventuali abusi dipende dalle regioni". 
(Raffaele Fitto, ministro per i Rapporti con le Regioni, Pdl, il Messaggero, 8 marzo 2009)

D.Ma chi dovrà vigilare sui lavori?
R."I controlli li faranno lo Stato e le Regioni"
(Giancarlo Galan, presidente Regione Veneto, Pdl, intervista a Il Secolo XIX, 9 marzo 2009)

.

.

La Stampa 
9 marzo 2009  
Intercettazioni, con la scusa degli abusi
Carlo Federico Grosso


Domani la Camera dovrebbe iniziare la discussione in aula del disegno di legge sulle intercettazioni. Dopo una travagliata incubazione, nel corso della quale la stessa maggioranza si è divisa, sembra che sia stato raggiunto un accordo. Dovrebbe essere eliminato il previsto divieto di pubblicare ogni notizia sul contenuto delle indagini, anche di quelle nei confronti delle quali sia caduto il segreto. Le intercettazioni dovrebbero diventare possibili quando siano emersi «rilevanti» o «evidenti» indizi di colpevolezza a carico di qualcuno, senza che sia più necessario che essi siano addirittura «gravi». 
Tali modificazioni migliorative sono, in realtà, briciole di fronte a ciò che il Parlamento si appresta a votare nel suo complesso. Perché, se davvero la riforma dovesse diventare legge, si determinerebbe un’involuzione grave nella qualità del nostro ordinamento. Risulterebbero intaccati quantomeno due capisaldi di civiltà: l’incisività delle indagini penali e la libertà di stampa. 
Vediamo di riassumere i termini della questione, concentrando l’attenzione sui profili di maggiore impatto. Da un lato, la possibilità d’intercettare soltanto quando siano già emersi indizi di colpevolezza a carico di qualcuno (sono esenti da tale limitazione soltanto i reati di mafia e terrorismo). 
Dall’altro, la previsione del carcere per i giornalisti rei di pubblicazioni vietate e la configurazione di pesanti sanzioni pecuniarie a carico degli editori dei giornali. 
Il primo profilo interessa l’efficienza delle indagini penali. È noto che le intercettazioni costituiscono uno strumento importante di acquisizione probatoria. Esse sono, d’altronde, soprattutto utili all’inizio delle inchieste, quando gli autori non sono ancora stati individuati, si è aperto un processo contro ignoti e ci si deve orientare fra le diverse ipotesi investigative. La riforma prescrive, invece, di rinunciare al loro utilizzo fino a quando qualcuno risulti attinto da indizi di colpevolezza. Ma se sono già stati acquisiti tali indizi, che bisogno c’è più, molte volte, d’intercettare? D’altronde, quando le intercettazioni potranno essere finalmente disposte perché sono emersi presupposti di colpevolezza, che senso ha obbligare a interromperle, salvo casi assolutamente eccezionali, dopo soli due mesi? Il rischio di vanificare gli accertamenti in corso è, anche qui, evidente. 
Il paradosso è che le forze politiche che hanno progettato questa caduta nell’incisività delle indagini sono le stesse che hanno posto a livello alto, nel loro programma, ordine e sicurezza. Nessuna di esse ha pensato che, così facendo, la sicurezza dei cittadini, invece, s’indebolisce fortemente anche con riferimento a delitti che li interessano direttamente, come lo stupro, il furto, la rapina? 
Ma veniamo al secondo dei menzionati profili. L’accordo di maggioranza ha eliminato, quantomeno, l’ipotesi più clamorosa di attentato alla libertà di stampa originariamente previsto. Il ripristino della possibilità d’informare i cittadini quantomeno sull’essenzialità delle inchieste in corso non garantirà, certo, una informazione sempre dettagliata, o una spiegazione sempre esauriente di ciò che sta accadendo nei Palazzi di Giustizia. Quantomeno, l’informazione non sarà, peraltro, del tutto oscurata e un minimo di controllo sociale sull’attività della magistratura in fase di indagine sarà ancora possibile. 
Sono rimasti, tuttavia, sostanzialmente intatti due diversi aspetti di potenziale impatto sul libero esercizio della stampa. Da un lato l’incremento del carcere previsto per i giornalisti che pubblicano notizie non pubblicabili, dall’altro la previsione di pesanti sanzioni pecuniarie a carico degli editori. L’incremento della previsione del carcere per i giornalisti possiede un’evidente finalità intimidatoria: attento, giornalista, a ciò che scrivi, è il messaggio, perché, prima o poi, finirai in galera. Le sanzioni pecuniarie che si vogliono introdurre a carico degli editori costituiscono una novità della quale, fino ad ora, pochi hanno denunciato i rischi. 
Il disegno di legge introduce la responsabilità diretta dell’impresa editrice con riferimento al reato di pubblicazione arbitraria. Questa previsione determinerà costi rilevanti di organizzazione, imponendo la predisposizione di «modelli organizzativi» idonei a prevenire le infrazioni. Ma, soprattutto, renderà gli editori molto attenti a ciò che avviene nelle redazioni. Allo scopo di evitare che il direttore si lasci prendere la mano dall’ansia di pubblicare comunque la notizia, e li costringa a pagare esose sanzioni, useranno modi forti. Ma chi ci garantisce, a questo punto, che tali modi non serviranno, nella prassi, anche a coartare direttori e giornalisti sul terreno dell’indirizzo del giornale, della selezione dei servizi, della scelta dei temi da trattare? Risulterebbe intaccato, a questo punto, un altro dei principi sui quali si fonda la libertà di stampa, cioè l’autonomia del giornalista. 
Si dirà, a questo punto, che le restrizioni delle intercettazioni e della stampa sono comunque necessarie di fronte agli abusi, gravi e ricorrenti, di magistratura e giornalismo. Troppi sono stati, nel passato, i privati intercettati, le violazioni della privatezza, le intercettazioni pubblicate, i mostri sbattuti sui giornali. 
La mia idea è che gli abusi commessi, non discutibili, vengano comunque oggi enfatizzati a tutt’altro scopo. Che, con la scusa degli abusi (che è possibile rimuovere, si badi, con una ragionevole disciplina di accantonamento e distruzione delle intercettazioni che non interessano le indagini e di divieto di ogni loro divulgazione), qualcuno intenda, in realtà, perseguire l’obiettivo di indebolire, con un colpo solo, potere giudiziario e libera stampa. Due fastidi talvolta insopportabili per molti politici, dell’uno e dell’altro schieramento.


sfoglia febbraio        aprile
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.0468463625002187]>